Indicazioni per la didattica a distanza

Dopo una prima fase di sperimentazione della didattica a distanza, dal monitoraggio effettuato emergono le seguenti indicazioni operative al fine di uniformare le metodiche per tutti i docenti:
1-Usare il registro elettronico come canale ufficiale per le comunicazioni rivolte agli studenti, condivisione di materiali didattici e consegne dei lavori assegnati (il docente deve apporre la firma sul registro elettronico e precisare la piattaforma usata per la lezione). Di recente Axios ha implementato la piattaforma “Collabora” per supportare la didattica a distanza. Offre la possibilità di interazioni per la condivisione di lezioni, assegnazione e correzione dei compiti in modalità remota.
2-Considerando il lungo periodo di sospensione delle attività didattiche occorre integrare la semplice trasmissione dei materiali agli studenti con le videolezioni, registrazioni e utilizzo di piattaforme.
3-Per le videoconferenze/videolezioni si consiglia ZOOM e Skype; si segnala la piattaforma Weschool, già in uso da diversi docenti, che pur con qualche criticità presenta delle funzioni interessanti e semplicità d’uso; in caso di sperimentata utilità è possibile utilizzare altre piattaforme.
4-Per evitare sovrapposizioni i docenti sono invitati a rispettare l’orario delle lezioni attualmente in vigore, svolgendo lezioni di 45’- 60’ circa.
5-Per il ritorno dei lavori svolti dai ragazzi è consigliabile usare Google Drive, e-mail, whatsapp o altri metodi che i docenti ritengono funzionali.
6-Per le verifiche i docenti devono individuare le modalità e le forme più opportune, non rigorosamente tradizionali ma verificando con ragionevolezza la veridicità del risultato.
Gli studenti sono tenuti a consultare quotidianamente il registro elettronico, svolgere le attività assegnate, partecipare alle videolezioni.
Questo è un periodo di forte disagio e per superarlo si chiede la collaborazione di tutti, docenti, personale ATA, studenti e genitori in modo da poter garantire a tutti gli studenti una certa continuità didattica con pazienza e spirito di servizio.